Real Academia de España en Roma

REAL ACADEMIA DE ESPAÑA EN ROMA
Accademia Reale di Spagna a Roma

Piazza S. Pietro in Montorio, 3 – 00153 Roma
Tel. 06.5812806 – Fax 06.5818049
Posta elettronica: ac.roma.dir@maec.es – Sito Internet: www.raer.it

L’Accademia Reale di Spagna fu fondata nel 1873 e accolse i primi borsisti un anno dopo. Al termine dei lavori di rinnovamento e di adattamento dell’antico convento di S. Pietro in Montorio, intrapresi nel 1879, la sede definitiva fu inaugurata nel 1881. In realtà sin dal XVIII secolo lo Stato spagnolo patrocinava i viaggi in Italia degli artisti. Nel 1745 la Reale Accademia di San Fernando, con sede a Madrid, cominciò l’invio periodico di «pensionados» (l’antico nome dei borsisti), proseguito fino alla creazione dell’Accademia. L’Accademia Reale di Spagna è oggi un organismo pubblico che dipende dal Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione. È presieduta dal Segretario di Stato per la Cooperazione Internazionale, mentre la vicepresidenza è affidata al Direttore Generale per i Rapporti Culturali e Scientifici, integrato nell’Agenzia di Cooperazione (AECID). Attraverso l’organo collettivo di consulenza («Patronato»), sono coinvolti nell’Accademia Reale di Spagna anche il Ministero dei Beni Culturali, la Reale Accademia di Belle Arti di San Fernando, il Consiglio Superiore della Ricerca Scientifica, gli Ambasciatori di Spagna presso la Repubblica Italiana e presso la Santa Sede, nonché i rappresentanti dei vari ambiti culturali e della società civile. Il Regolamento dell’Accademia Reale di Spagna può essere consultato nella Gazzetta Ufficiale di Spagna del 14 luglio 2001, ove si sancisce che l’obiettivo principale dell’Accademia è «contribuire alla formazione artistica e umanistica di creatori, restauratori e ricercatori», oltre a potenziare la presenza culturale spagnola in Italia. L’Accademia Reale di Spagna riceve borsisti per soggiorni generalmente di nove mesi (ottobre-giugno). Oltre agli artisti plastici, sono solitamente concesse borse ad architetti, restauratori, musicisti e compositori, scrittori, cineasti, storici dell’arte, ecc. Le borse sono concesse dal Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione e da istituzioni pubbliche e private non solo a cittadini spagnoli, ma anche a quelli di altri paesi dell’Unione Europea e ibero-americani. L’Accademia Reale di Spagna, inoltre, sviluppa un programma annuale di attività culturali: esposizioni, conferenze, seminari, concerti e laboratori, e ha tra i propri obiettivi quello di stabilire rapporti con personalità e istituzioni che si occupino, in Spagna e in Italia, di gestione e di promozione culturale.

Direttori dall’anno di fondazione:

José CASADO DEL ALISAL (1874-1881)

Francisco PRADILLA ORTIZ (1881-1882)

Vicente PALMAROLI GONZÁLEZ (1882-1892)

Alejo VERA ESTACA (1892-1898)

José VILLEGAS CORDERO (1898-1901)

Mariano BENLLIURE GIL (1902-1903)

José BENLLIURE GIL (1904-1912)

Eduardo CHICHARRO AGÜERA (1913-1926)

Miguel BLAY FÀBREGAS (1926-1933)

Ramón María del VALLE-INCLÁN (1933-1936)

Emilio MOYA LLEDÓS (1936-1939)

Manuel HALCÓN VILLALÓN-DAOÍZ (1940-1942)

Fernando LABRADA MARTÍN (1948-1952)

Juan DE CONTRERAS LÓPEZ DE AYALA, MARCHESE DI LOZOYA (1953-1957)

Joaquín VAQUERO PALACIOS (1957-1960, VICEDIRETTORE)

Joaquín VALVERDE LASARTE (1960-1967)

Antonio BLANCO FREIJEIRO (1967-1969)

Enrique PÉREZ COMENDADOR (1969-1974)

Juan Antonio MORALES RUIZ (1974-1977)

Federico SOPEÑA IBÁÑEZ (1977-1981)

Venancio BLANCO MARTÍN (1981-1985)

Trinidad SÁNCHEZ PACHECO (1986-1990)

Jorge LOZANO HERNÁNDEZ (1991-1996)

Felipe Vicente GARÍN LLOMBART (1996-2002)

Juan Carlos ELORZA GUINEA (2002-2005)

Rosario OTEGUI PASCUAL (2005-2008)

Enric PANÉS CALPE (2009-2012)

José Antonio BORDALLO HUIDOBRO (2012-2014)

 

DIREZIONE

Direttore:

Dott. Fernando VILLALONGA CAMPOS (ac.roma.dir@maec.es)

Segretario:

Dott. Francisco PRADOS QUEL (francisco.prados@maec.es)

Segretaria di Direzione:

Dott. Cristina REDONDO SANGIL (cristina.redondo@maec.es)

Responsabile dei Borsisti:

Sig.ra Maria Luisa CONTENTA (mluisa.contenta@maec.es)

Responsabile della Biblioteca:

Dott. Margarita ALONSO CAMPOY (margarita.alonso@maec.es)

Amministrazione e Contabilità:

Sig.ra Silvia SERRA (silvia.serra@maec.es)

 

BORSA MAEC-AECID

Arti visive:

Antoni ABAD. Graphic desing e net art. “Blind. Wiki” è un progetto interattivo basato su mobile technology e audio registrazioni geolocalizzate, invitando i ciechi a condividere in internet le proprie esperienze sulle difficoltà che incontrano ogni giorno. L’obbiettivo finale è la creazione di una cartografia digitale a beneficio della comunità delle persone con minorazione visiva ma anche del resto della società. Posta elettronica: abadantoni@gmail.com

Greta ALFARO YANGUAS. Videocreazione. Produzione di una serie di cortometraggi video in cui si mostreranno momenti significativi della tortura e morte dei santi martiri romani del cristianesimo primitivo. L’intenzione è stabilire delle relazioni con la tradizione spagnola delle nature morte, dalla xenia classica fino alle opere barocche. Tutti gli eventi narrati avranno un vincolo con il cibo, con l’atto del mangiare o del cucinare. Posta elettronica: gretalfaro@yahoo.es

Enrique BORDES CABRERA. Design. Narrazione nei monumenti della città di Roma nel contesto dello spazio museografico odierno. Posta elettronica: mail@enriquebordes.com

Miriam ISASI ARCE. Scultura. Il progetto “Joyas con memoria” disegna un percorso che spazia dallo strettamente geologico all’ambito antropologico. Verranno esplorate delle zone extra urbane usate come rifugio dai partigiani nel corso della Seconda Guerra Mondiale, alla ricerca di frammenti di mitraglia. Questi frammenti, dopo essere stati raccolti, documentati e catalogati, saranno trasformati successivamente in gioielli, formando una collezione. Posta elettronica: miriamisasi@gmail.com

Almudena LOBERA. Incisione e scultura. Ispirandosi alle teorie rinascimentali sulla rappresentazione spaziale e agli strumenti prospettici allora nati, il progetto multidisciplinare “El mundo como factor radiante, el ojo como instrumento captor” vuole ideare dei nuovi dispositivi per la rappresentazione e proiezione delle immagini, oggetti contemporanei carichi di valori poetici e metaforici. Posta elettronica: info@almudenalobera.com

Joan MOREY GOMILA. Scultura. Il progetto “Body Language (Linguaggio del corpo)” studierà la gestualità e il movimento dei corpi nella scultura classica analizzando la loro proiezione alla realtà “viva” della performance. L’obbiettivo finale sarà quello di inserire il progetto nel contesto della città, tramite la collaborazione con persone varie e l’uso di spazi urbani. Posta elettronica: joanmorey@me.com

Álvaro Ismael ORTIZ ALBERO. Comic. “Colección de desastres” è un progetto di romanzo grafico composto da diverse storie annotate su quaderni nel corso degli ultimi anni. Narrazioni brevi inscenate da molteplici personaggi ma legate dalla ripetizione di elementi comuni presenti in ogni storia. Posta elettronica: alvaroortizilustrador@gmail.com

Yann LETO REDONDO. Pittura. Il progetto “Iconofobia” è una riflessione sull’immediatezza e l’abbondanza di notizie che ogni giorno i media ci offrono in contrapposizione alla difficile capacità di assorbire le informazioni che consumiamo giornalmente attraverso internet. Queste riflessioni saranno rappresentate attraverso la produzione di una serie di tele di varie dimensioni e un’istallazione che saranno esposte nel 2015 nel Museo de Bellas Artes della città di Murcia (Spagna). Posta elettronica: yannleto@yahoo.com

Giuseppe VIGOLO. Incisione. Prendendo come spunto le incisioni di Goya “Los desastres de la guerra”, e in collaborazione con l’artista Antonella Zerbinati, il progetto “Santos (días)” cercherà di stabilire un’interconnessione tra la tradizione spagnola dell’incisione, la tradizione cattolica e la relazione che la società contemporanea ha con le grandi problematiche sociali tra cui la guerra. Saranno elaborati 366 proiettili incisi con ritratti di santi, uno per ogni giorno del calendario solare, trasformando così un’icona bellica in un oggetto simbolico paradossale di chiaro contenuto contraddittorio. Posta elettronica: giuseppevigolo@katamail.com

Architettura:

Jesús DONAIRE GARCÍA DE MORA, Analisi delle facciate rinascimentali e barocche della città di Roma in modo di poter stabilire una nuova lettura in chiave contemporanea, attraverso lo studio in profondità di alcuni edifici paradigmatici: Santa Maria del Popolo, Il Gesù, il Tempietto del Bramante, San Carlo alle Quattro Fontane, Sant’Andrea al Quirinale e Sant’Ivo alla Sapienza. Posta elettronica: jesus.donaire@jesusdonaire.com

María Cristina GARCÍA GONZÁLEZ. Ricerca sull’urbanistica romana fra le due guerre mondiali come preambolo alla costruzione simbolica della Terza Roma voluta da Mussolini. Partendo dal concetto di patrimonio urbano formulato da G. Giovannoni nel 1931, si analizzerà l’intensa dialettica sull’argomento che coinvolse personalità di spicco tra cui l’architetto M. Piacentini, l’urbanista L. Piccinato, l’ingegnere C. Chiodi, l’archeologo A. Muñoz o lo storico dell’arte C. Ricci. Posta elettronica: mariacristinagarciagonzalez@gmail.com

Letteratura (Borsa Valle-Inclán):

Joan ESPASA RODRÍGUEZ. “Tiempo muerto”, romanzo futurista sull’ossessione per la fugacità del tempo e l’impossibilità di viverlo in pieno e la voglia di prolungare il tempo della giovinezza. E’ una riflessione sulla realtà odierna, in cui i ricchi possono permettersi perfino la rigenerazione cellulare perseguitando il sogno di vivere oltre i trecento anni nel pieno delle proprie facoltà, mentre la maggioranza della popolazione fa fatica a vivere la propria vita per mancanza delle risorse più elementari. Posta elettronica: joanespasa@yahoo.es

Cinema:

Adrián SILVESTRE DAVID. Elaborazione del lungometraggio “Distancia”, ibrido fra finzione e documentario, la cui trama si ispira ad uno studio sulle catene di lavoro globali. Si lavorerà con un gruppo di donne eterogeneo, attrici professioniste e non. Posta elettronica: adriansilvestredavid@gmail.com

Musica e musicologia:

Samuel Leví CONDE RODRÍGUEZ. Il progetto “Todos los caminos conducen a Roma” prevede l’edizione del terzo album studio dell’autore, composto da sei pezzi e/o canzoni, ognuna accompagnata da un audiovisivo, che sarà diffuso sia su cd sia attraverso delle piattaforme digitali, ma anche creando un portale web per condividere il lavoro realizzato. Inoltre saranno organizzati dei concerti dal vivo negli ostelli dei pellegrini lungo il “Camino de Santiago”. Posta elettronica: samuellevi3@hotmail.com

 

* * *

La biblioteca è costituita da una sezione comprendente il fondo bibliografico e le pubblicazioni periodiche e da una sezione contenente i fondi dell’archivio storico dell’Accademia, dove si raccolgono i documenti dalla sua fondazione fino ad oggi.

È una biblioteca specializzata nella storia della cultura spagnola e in particolare nella storia dell’arte, con un’interessante raccolta di cataloghi di mostre temporanee organizzate in Spagna su arte e artisti spagnoli. Il fondo di pubblicazioni periodiche riunisce i principali titoli delle riviste d’arte e di lettere pubblicate in Spagna.

La biblioteca è membro della rete URBS, Unione Romana Biblioteche Scientifiche, ed è aperta a un pubblico specializzato di studiosi e ricercatori. Attualmente è in fase di ristrutturazione degli spazi e di riordino dei fondi bibliografici; per tale motivo parte di essi non sono disponibili e il resto può essere consultato soltanto previo appuntamento, dal lunedì al venerdì, contattando direttamente la bibliotecaria (ac.roma.bibl@maec.es).