Annuario 57

ISTITUTO STORICO «FRAKNOI» – bozza annuario 57

ISTITUTO STORICO «FRAKNÓI»
presso l’ACCADEMIA D’UNGHERIA IN ROMA

Via Giulia, 1 (Palazzo Falconieri) – 00186 ROMA
Tel. 06.6889671 – Fax 06.68805292
Sito Internet: http://roma.balassiintezet.hu
Posta elettronica: accademiadungheria@gmail.com

Le ricerche sistematiche sulla storia della civiltà ungherese cominciarono a Roma nel 1880. Promotore e fondatore del primo istituto storico (1894) fu Vilmos Fraknói (1843-1924), canonico di Nagyvárad e membro dell’Accademia delle Scienze di Budapest. Gli studiosi ungheresi erano impegnati nella pubblicazione dei documenti rinvenuti negli archivi e nelle biblioteche vaticani e romani in vari volumi, fra i quali spicca la collana dei «Monumenta Vaticana Historiam Regni Hungariae Illustrantia». L’Istituto Storico Ungherese (dal 1894 dotato di una sede in un edificio di nuova costruzione nel quartiere Nomentano) ospitava allora numerosi borsisti, storici e artisti. Dopo l’acquisto del Palazzo Falconieri in Via Giulia nel 1927, l’Istituto si trasferì in questa nuova sede. La neonata Reale Accademia d’Ungheria in Roma (della quale dal 1929 divennero sezioni, ma con «status» speciale, sia l’Istituto Storico che l’Institutum Pontificium Ecclesiasticum Hungaricum in Urbe) svolse in quegli anni un’intensa attività negli ambiti degli studi storici e teologici e della promozione artistica, pubblicando anche una rivista, intitolata Annuario, ove comparvero numerosi saggi sul tema dei rapporti italo-ungheresi. Dopo un intervallo di più di quarant’anni, all’inizio degli anni Novanta del XX secolo è stato ripreso lo studio sistematico degli archivi e delle biblioteche esistenti a Roma e nel Vaticano, sono usciti nuovi numeri dell’Annuario e nuove pubblicazioni edite in collaborazione con l’Accademia Ungherese delle Scienze ma anche con istituti universitari e accademie italiane. Nel 1996 è stato rifondato l’Istituto Storico Fraknói.

Direttori dall’anno di fondazione:
József Pál (1996-1999)
László Csorba (1999-2003)
Péter Kovács(2003-2007)
Eva Vígh (2007-2011)

DIREZIONE

Direttore:
Dr. habil. Antal Molnár
(posta elettronica: antalmolnar69@gmail.com)

Segretario scientifico:
András Fejérdy PhD
(posta elettronica: afejerdy@gmail.com, andras.fejerdy@bbi.hu) 

BORSISTI

Klebelsberg (Borsa di studio per ricerche sui rapporti italo-ungheresi e sulla storia dell’Ungheria):

 

Nome e Cognome, Titolo/Argomento della ricerca, indirizzo di posta elettronica

 

Zsófia Bárány, La missione romana di József Lonovics, posta elettronica: baranyzsofi@gmail.com

Zaynab Dalloul, Volantini e bollettini sull’Ungheria nei secoli 16-18, posta elettronica: zaynab.dalloul@yahoo.com

Petra Hamerli, Rapporti diplomatici italo-ungheresi del primo dopoguerra, posta elettronica: petra.h@hotmail.hu

Melinda Kindl, Rapporti diplomatici italo-ungheresi (1943-1945), posta elettronica: rudimentum@gmail.com

Tamás Jenő Körmendi, Storiografia e storia nell’Ungheria medoevale degli Arpad, posta elettronica: kormendi.tamas@btk.elte.hu

Péter Nemes, L’oeuvre di Amerigo Tot, posta elettronica: nemespepe@gmail.com

József Takáts, Storia del pensiero politico ungherese nei secoli 19-20, posta elettronica: takatsj@gmail.com

 

Borsa della Fondazione Lajos Pásztor

Dániel Bácsatyai, Fonti narrative occidentali della storia medievale ungherese, posta elettronica: molay18@yahoo.com

 

Borsa di studio Campus Hungary

Anna Józsa, Architettura teatrale in Italia e in Ungheria nei secoli 18-20, posta elettronica: jozsaanka@gmail.com

 

 

Lilla Mátyók, Tirocinio presso i Musei Vaticani (restauro delle Galleria delle Carte Geografiche sotto la direzione del Prof. Arnold Nesselrath), posta elettronica: matyok.lilla@gmail.com

 

 

Artisti

István Bodoczky, bodoczky@t-online.hu

Gábor Fülöp, info@gaborfulop.com

Tamás Gaál, gaalt62@freemail.hu

Rita Koralevics, korarit@gmail.com

György Olajos, olajos.gyorgy@gmail.com

Judit Rabóczky, judit.raboczky@gmail.com

 

*  * *

La biblioteca dell’Istituto è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 16.00, su prenotazione telefonica. È chiusa il sabato e la domemica.

La biblioteca comprende circa 15.000 volumi e una raccolta di 75 periodici, dedicati in particolare alla storia, alla storia dell’arte e alla letteratura ungherese.

I frequentatori della biblioteca hanno a disposizione un catalogo per autori e un catalogo per materie. Completa la biblioteca una raccolta di spartiti musicali di circa 500 elementi.

SOCIETÀ ROMANA DI STORIA PATRIA – bozza annuario 57

SOCIETÀ ROMANA DI STORIA PATRIA

Piazza della Chiesa Nuova, 18 – 00186 ROMA – Tel. e Fax 06.68307513
Posta elettronica: segreteria@srsp.it
Sito Internet: www.srsp.it

La Società Romana di Storia Patria è stata fondata nel 1876 da un gruppo di studiosi di diverso orientamento, essendo alcuni membri di istituzioni pontificie e altri partecipi dei nuovi istituti italiani: il loro scopo era la pubblicazione e lo studio dei documenti relativi alla storia di Roma nei suoi molteplici aspetti. L’iniziativa ebbe nel 1884 il pubblico riconoscimento: la Società ebbe il titolo di «Reale», fu eretta in ente giuridico e, per decreto reale, ne fu emanato lo Statuto, che è stato in vigore fino al 1935. Da allora la sede è presso la Biblioteca Vallicelliana, che cura la biblioteca sociale, ricca di riviste storiche. A seguito di una riforma delle società storiche in Italia, dal 1935 al 1947 il nome di «Società» fu mutato in «Deputazione». Secondo lo Statuto aggiornato nel 1961, la Società è costituita da soci effettivi, soci corrispondenti, soci patroni; è retta da un Consiglio direttivo che dura in carica tre anni ed elegge nel suo seno il Presidente e le altre cariche sociali. Pubblicazioni: Archivio della Società Romana di Storia Patria, la «Biblioteca» (nota per l’edizione del Regesto di Farfa), la «Miscellanea» e il «Codice diplomatico di Roma e della regione romana».

Presidenti dall’anno di fondazione:
Prof. Costantino Corvisieri (1876-1881)

Prof. Giuseppe Cugnoni (1881-1883)

Prof. Oreste Tommasini (1883-1891)

Prof. Ugo Balzani (1891-1895)

Prof. Oreste Tommasini (1895-1897)

Prof. Ugo Balzani (1897-1907)

Prof. Carlo Calisse (1907-1935)

Prof. Pietro Fedele (1935-1943)

Prof. Vincenzo Federici (1943-1954)

Prof. Emilio Re (1954-1962)

Prof. Ottorino Bertolini (1962-1975)

Prof. Giulio Battelli (1975-1984)

Prof. Alessandro Pratesi (1984-1990)

CONSIGLIO DIRETTIVO
gennaio 2012 – gennaio 2015

Presidente:
Prof. Letizia Ermini Pani (posta elettronica: presidente@srsp.it) 

Vicepresidente:
Dott. Paola Pavan 

Segretario:
Prof. Alberto Bartola (posta elettronica: segretario@srsp.it)

Tesoriere:
Prof. Pasquale Smiraglia

Consiglieri:
Prof. Sofia Boesch Gajano

Prof. Cristina Carbonetti

Prof. Marco Vendittelli 

Bibliotecario (ex officio):
Dott. Guglielmo Bartoletti (Direttore della Biblioteca Vallicelliana)

Revisori dei Conti:
Dott. Maria Teresa Bonadonna Russo

Prof. Alfio Cortonesi

Prof. Rita Cosma 

Uffici:
Francesca Pardini (Segretaria della Società: segreteria@srsp.it)

SOCI CORRISPONDENTI

Dott. Franca Allegrezza                 Dott. Elisabetta De Minicis

Dott. Orsolina Amore                       Prof. Giovanni M. De Rossi

Prof. Maria Andaloro                     Prof. Vincenzo Di Flavio

Prof. Laura Biancini                        Prof. Maria Rosa Di Simone

Prof. Benedetta Borello                  Prof. Saverio Franchi

Prof. Ottavio Bucarelli                   Prof. Leopoldo Gamberale

Prof. Tommaso Caliò                       Prof. Stéphane Gioanni

Prof. Emma Condello                     Dott. Paola Guerrini

Prof. Anna Maria D’Achille            Dott. Étienne Hubert

Prof. Paolo D’Achille                      Dott. Lutz Klinkhammer

Dott. Angela Lanconelli                 Prof. Roberto Regoli

Dott. Mauro Lenzi                            Prof. Giancarlo Rostirolla

Dott. Umberto Longo                       Prof. Gabriella Severino Polica

Prof. Maria Teresa Maggi Bei          Prof. Maddalena Signorini

Dott. Maria Letizia Mancinelli         Prof. Francesca Romana Stasolla

Dott. Gian Ludovico Masetti            Dott. Paolo Tournon

Prof. Gianni Venditti

Prof. Vincenzo Pacifici

Il Direttore «pro tempore» della Biblioteca Vallicelliana

I Direttori «pro tempore» degli Istituti storici fondati in Roma da Governi esteri:

Academia Belgica

American Academy in Rome

Bibliotheca Hertziana

British School at Rome

Det Danske Institut for Videnskab og Kunst i Rom

Deutsches Archaeologisches Institut

Deutsches Historisches Institut

École Française de Rome

Institutum Romanum Finlandiae

Istituto Svizzero di Roma

Koninklijk Nederlands Instituut te Rome

Det Norske Institutt i Roma

Istituto Storico presso il Forum Austriaco di Cultura in Roma

Stacja Naukowa Polskiej Akademii auk w Rzymie

Römisches Institut der Görres-Gesellschaft

Svenska Institutet i Rom

ATTIVITà 2008-2012

PUBBLICAZIONI:
Archivio della Società romana di storia patria

Volumi: 130 (2007), 131 (2008), 132 (2009) 133 (2010) 124 (2011);

Miscellanea della Società romana di storia patria

LIV – Stefano Caffari, memorie di una famiglia della Roma del Quattrocento, a cura di A. Ingletto e S. Santi, Roma 2009.

LV – Trastevere, un’analisi di lungo periodo, Atti del Convegno di studio, Roma 13-14 marzo 2008, a cura di L. Ermini Pani e C. Travaglini, Roma 2010.

LVI – A. Holst Blennow, The latin consecrative inscription in prose of churches and altars in Rome: 1046-1263, Roma 2011.

LVII – S. Del Ferro, Castrum Montis Sancti Iohannis. Archeologia e storia di un insediamento medievale, Roma 2012.

Fuori collana

I Santi patroni del Lazio. Vol. IV/1, 2 Viterbo, a cura di S. Boesch Gajano, L. Ermini Pani, Roma 2008.

Vita religiosa a Roma (secc. XIII-XV), a cura di Giulia Barone e Anna Esposito, Roma 2009.

I Santi patroni del Lazio. Vol. V/1, 2 Roma, a cura di S. Boesch Gajano, L. Ermini Pani, Roma 2012. 

COMUNICAZIONI SCIENTIFICHE, CONVEGNI, PRESENTAZIONI DI VOLUMI

2008:
13-14 marzo: Convegno di studi organizzato in collaborazione con il CROMA Trastevere. Un’analisi di lungo periodo.

3 maggio: Biblioteca Paroniana di Rieti: presentazione del volume di M.L. Mancinelli, Il “Registrum omnium ecclesiarum dioecesis sabinensis” (1343): una fonte per la conoscenza della topografia ecclesiastica della Sabina medievale.

9 maggio: Istituto Storico Italiano per il Medioevo: presentazione del volume di I. Lori Sanfilippo, Constitutiones et Reformationes del Collegio dei notai di Roma (1446).

7 giugno: Museo Diocesano di Rieti: presentazione del volume I Santi Patroni del Lazio, III/1, 2 La Provincia di Rieti.

2010:

3-4 dicembre: in collaborazione con la Biblioteca Apostolica Vaticana, l’Istituto Nazionale di Studi Romani e la Società Romana di Storia Patria, la Fondazione Camillo Caetani ha organizzato due giornate di studio per ricordare Luigi Fiorani.

2011:

13 aprile: Biblioteca Vallicelliana: comunicazione scientifica della Prof. Letizia Ermini Pani e della Prof. Francesca Romana Stasolla sul tema: Leopoli – Cencelle: una città di fondazione papale.

7 giugno: Fondazione Caetani: presentazione del volume Vita religiosa a Roma (secc. XIII-XV), a cura di Giulia Barone e Anna Esposito (estratto del vol. 132/2009 dell’Archivio).

6-7 dicembre: Convegno di Studi organizzato in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Studi Romani Giuseppe Tomassetti a cento anni dalla morte e la sua opera sulla campagna romana.

2012:

2 maggio: Biblioteca Vallicelliana: presentazione del volume di S. Andreoni, C. M. Fiorentino e M. C. Giannini, Storia dell’Ordine di San Camillo. La Provincia Romana.

PROGETTI DI RICERCA/archivi:

2008:

Progetto di ricerca Pergamene del secolo XIII della chiesa di Santa Maria Nova di Roma: progetto di censimento, regestazione e gestione informatizzata dei dati.

Si è provveduto alla digitalizzazione e catalogazione dei primi 1.000 fotogrammi negativi della Fototeca P. Toubert.

2009:

Progetto di ricerca Studio storico-archeologico-documentario su Castro e la valle del Fiora (sponda sinistra) nel Medioevo: progetto di ricognizione, censimento e gestione informatizzata dei dati.

2011:

Progetto di ricerca Progetto di allestimento di un’edizione digitale del Codice Diplomatico di Roma dei secc. X-XIV. La Società romana di storia patria ha provveduto all’allestimento digitale delle edizioni critiche e dei regesti di tutti i documenti romani dei secoli X-XIV pubblicati nel corso di un trentennio – dal 1878 al 1908 – nei volumi dell’«Archivio della Società romana di storia patria».

2012:

Progetto di ricerca Signorie nel sud del Lazio nel Medioevo. Studio storico-documentario sul territorio delle province di Frosinone e Latina.

Il progetto riguarda la provincia di Frosinone e Latina, con particolare attenzione al territorio fra Frosinone e Cassino e al settore della provincia di Latina a settentrione del Garigliano.

* * *

Biblioteca. – La Società, essendo bibliotecario «ex officio» il Direttore della Biblioteca Vallicelliana, fruisce del patrimonio librario di essa; possiede in proprio una notevole raccolta di libri, specialmente relativi alla storia di Roma e del Lazio, tra cui meritano una menzione particolare quelli offerti in dono, insieme a fondi manoscritti, dai soci benemeriti (Balzani, Bonfiglietti, Corvisieri, De Cupis, Ferraioli, Incisa della Rocchetta, Marchetti Longhi, Tommasini). La parte più importante della biblioteca sociale è costituita da un numero assai cospicuo (oltre 400) di riviste, periodici e bollettini con particolare riguardo alle pubblicazioni di Società, Deputazioni e Istituti storici, italiani e stranieri, con cui la Società ha avuto e ha il cambio.

I libri della Società sono di pubblica consultazione, con il rispettivo catalogo, presso la Biblioteca Vallicelliana (orario: lunedì, martedì, venerdì e sabato, ore 8.15-13.30; mercoledì e giovedì, ore 8.15-19.15).

Fototeca. – Nell’ambito della raccolta fotografica di documenti relativi alla storia medievale di Roma e della regione romana, è stata portata a termine la sistemazione, in 91 contenitori, di circa 6.000 riproduzioni tratte da microfilms donati dal professor Pierre Toubert, socio corrispondente, da lui eseguiti in molti archivi del Lazio, per la preparazione della sua opera Les structures du Latium médiéval pubblicata nel 1973 dall’École Française de Rome, sotto gli auspici e con il concorso della Società. Di tali pergamene, appartenenti agli archivi di Alatri (Capitolare e Comunale), Borgo San Pietro (Clarisse), Casperia (Comunale), Rieti (Capitolare e Comunale), Roccantica (Comunale), Subiaco (Santa Scolastica), Trisulti (Certosa) e Veroli (Capitolare), è stato redatto l’inventario analitico.

Segreteria. – Orario: lunedì-venerdì, ore 9.00-13.00; mercoledì 9.00-18.00.

ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI ROMANI – bozza annuario 57

ISTITUTO NAZIONALE DI STUDI ROMANI ONLUS

Piazza dei Cavalieri di Malta, 2 – 00153 Roma
tel. 06.5743442 – 06.5743445 – Fax 06.5743447
Posta elettronica: studiromani@studiromani.it
Sito Internet: www.studiromani.it

L’Istituto Nazionale di Studi Romani – che è stato fondato nel 1925, eretto in Ente morale nel 1926, ristrutturato su basi accademiche nel 1951, iscritto nella tabella delle istituzioni culturali ammesse al contributo ordinario dello Stato ai sensi dell’art. 1 della legge 17.10.96 n. 534, sottoposto a tutela/vigilanza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e della Corte dei Conti – affronta il problema della conoscenza di Roma in tutti i suoi aspetti (storici, archeologici, artistici, linguistici, urbanistici, sociali, economici, e così via) e in tutte le epoche della sua storia, dall’antichità ai nostri giorni. Finalità di ricerca e di alta divulgazione sono, nell’impegno dell’Istituto, strettamente connessi. Infatti i fini istituzionali vengono attuati soprattutto attraverso la ricerca scientifica, di cui sono testimonianza le pubblicazioni che a oggi ammontano a oltre 900 titoli. L’Istituto cura poi l’organizzazione di congressi nazionali e internazionali; corsi e conferenze; giornate di studio; concorsi; concerti; mostre d’arte; sopralluoghi a monumenti e a raccolte d’arte a Roma, in Italia e all’estero.

Sede dell’Istituto è l’ex-convento di S. Alessio sull’Aventino, concessagli da Roma Capitale.

L’Istituto di Studi Romani ebbe come Presidente Pietro FEDELE – fino al giugno 1929 –, poi Luigi FEDERZONI, fino al giugno 1931, poi Vittorio SCIALOJA. Morto questi nel novembre 1933, alla presidenza fu eletto Carlo GALASSI PALUZZI, al quale si doveva la fondazione dell’istituzione e che ne aveva diretto l’attività prima con la qualità di Segretario Generale e poi con quella di Direttore. Egli presiedette l’Istituto fino al 17 agosto 1944.

 

17 agosto 1944 – 28 aprile 1950: gestione commissariale. Commissario: Quinto TOSATTI.
28 aprile 1950 – 21 luglio 1960 – Presidente: Quinto TOSATTI.
21 novembre 1960 – 30 gennaio 1980 – Presidente: Pietro ROMANELLI
(Presidente onorario dal 1° marzo 1980 al 3 agosto 1981).
30 gennaio 1980 – 20 gennaio 1984 – Presidente: Giorgio PETROCCHI.
30 gennaio 1984 – 23 giugno 1992 – Presidente: Luigi DE NARDIS.
23 giugno 1992 – 28 giugno 1996 – Presidente: Gaetano MIARELLI MARIANI.
28 giugno 1996 – 16 luglio 2001 – Presidente: Mario PETRUCCIANI.
16 novembre 2001 – 18 giugno 2008 – Presidente: Mario MAZZA.
18 giugno 2008 – 18 giugno 2012 – Presidente: Paolo SOMMELLA.

10 febbraio 1952 – 31 marzo 1974 – Direttore: Ottorino MORRA (già dal 1938 Segretario Generale
e antecedentemente, dai primordi dell’Istituto, Segretario).
2 luglio 1974 – 13 luglio 2006 – Direttore: Fernanda ROSCETTI.
1 luglio 2007 – Direttore: Letizia LANZETTA

PRESIDENZA E GIUNTA DIRETTIVA
(per il periodo giugno 2012 – giugno 2016)

Presidente:
Paolo SOMMELLA

Vicepresidente:
Luciano PALERMO

Consiglieri:
Alberto WHITE
Mario CARAVALE
Letizia ERMINI PANI (Tesoriere)
Marcello FAGIOLO
Antonio MARCHETTA

Direttore:
Letizia LANZETTA

Direttore Associato:
Massimiliano GHILARDI

Revisori dei Conti:
Ordinari:
Michele COCCIA
Gianluca GREGORI
Pasquale SMIRAGLIA
Anna SCIANDRONE (des. Ministero Economia e Finanze)
Caterina LINARES (des. Ministero Beni e Attività Culturali) 

Supplenti:
Leopoldo GAMBERALE
Eugenio RAGNI 

Delegato al controllo della Corte dei Conti:
Maria Teresa POLITO
Marcovalerio POZZATO (sostituto)


CORPO ACCADEMICO
al 31 dicembre 2014

SOCI ONORARI
S.Em. il Card. Raffaelle FARINA (2008)
S.Em. il Card. Paul POUPARD (1995)
Bernard ANDREAE (2007)
Maurizio CALVESI (2004)
Giovanni CONSO (2004)
Paolo PORTOGHESI (2004)
Alessandro PRATESI (1997)

SOCI EMERITI
José María BLÁZQUEZ (2005)
Pierre TOUBERT (2005)
Francesco SABATINI (2007)

SOCI ORDINARI
L’anno che segue ciascun nome è quello della rispettiva nomina a Socio ordinario e a Corrispondente scientifico secondo il vigente statuto dell’Istituto. I Soci eletti alla stessa data si susseguono secondo il numero dei voti ottenuti, osservandosi l’ordine alfabetico nei casi di parità dei suffragi.
Bruno LUISELLI (1983)
Michele COCCIA (1984)
Girolamo ARNALDI (1985)
Paolo SOMMELLA (1986)
Sandro BENEDETTI (1988)
Letizia ERMINI PANI (1989)
Massimo MIGLIO (1989)
Mario CARAVALE (1991)
Francesco MARTINELLI (1991)
Eugenio RAGNI (1992)
Massimo COLESANTI (1992)
Pasquale SMIRAGLIA (1992)
Emanuele PARATORE (1993)
Mario MAZZA (1994)
Antonio MARCHETTA (1994)
Christoph Luitpold FROMMEL (1995)
Romolo Augusto STACCIOLI (1995)
Raoul MELONCELLI (1995)
Cairoli FULVIO GIULIANI (1995)
Claudio STRINATI (1995)
Daniela CAVALLERO GALLAVOTTI (1997)
Bruno CAGLI (1998)
Vincenzo DE CAPRIO (1998)
Leopoldo GAMBERALE (1998)
Luciano PALERMO (1998)
Rino AVESANI (2000)
Maria ANDALORO (2000)
Ludovico GATTO (2000)
Luigi TRENTI (2000)
Alberto WHITE (2001)
Gaetano PLATANIA (2001)
Marcello FAGIOLO (2002)
Anna MURA SOMMELLA (2002)
Piergiorgio PARRONI (2002)
Arnold ESCH (2003)
Antonio GIULIANO (2003)
Ugo VIGNUZZI (2003)
Michel GRAS (2004)
Eugenio LA ROCCA (2004)
Giovanni COLONNA (2005)
Giulio FERRONI (2005)
Silvio PANCIERA (2006)
Marcello TEODONIO (2009)
Anna LO BIANCO (2010)
Rosanna PETTINELLI (2010)
Maria Rosa DI SIMONE (2011)
Gianluca GREGORI (2011)
Luigi CAPOGROSSI COLOGNESI (2012)
Emilio GENTILE (2012)

CORRISPONDENTI SCIENTIFICI
Lucio FELICI (1977)
Jean-Claude MAIRE VIGUEUR (1980)
Mario GIANNONI (1984)
Pietro SAMPERI (1986)
Marcello GUAITOLI (1987)
Renzo TIAN (1989)
Nicola MEROLA (1990)
Lucia PIRZIO BIROLI STEFANELLI (1990)
Leandro POLVERINI (1991)
Maria Rosa CIMMA (1991)
Joselita RASPI SERRA (1992)
Valeria MAZZARELLI (1992)
Olivier MICHEL (1993)
Jörg GARMS (1993)
Sabino CARONIA (1993)
Éamonn ÓCARRAGÁIN (1994)
Maria Piera SETTE (1994)
Letizia NORCI CAGIANO DE AZEVEDO (1995)
Agostino ZIINO (1996)
Margherita CECCHELLI (1996)
Paolo VIAN (1996)
Cinzia VISMARA (1996)
Paolo GARBINI (1997)
Riccardo SCRIVANO (1999)
Antonino MATTARELLA (1999)
Luigi LONDEI (1999)
Maria Cecilia MAZZI (2000)
Maria Letizia LAZZARINI (2001)
Matteo SANFILIPPO (2001)
Enrico PARLATO (2001)
Angelo R. PUPINO (2001)
Andre VAUCHEZ (2002)
Dieter MERTENS (2002)
Laura BIANCINI (2002)
Giovanni GALLAVOTTI (2002)
Nicola Giambattista LONGO (2002)
Guido STRAZZA (2003)
Giuseppe DALLA TORRE DEL TEMPIO DI SANGUINETTO (2003)
Antonino ISOLA (2004)
Luca SERIANNI (2004)
Marco BUONOCORE (2004)
Armando PETRUCCI (2004)
Marco MANCINI (2004)
Patrizia CALABRIA (2004)
Emanuela ANDREONI FONTECEDRO (2005)
Maria Luisa MADONNA (2005)
Guido PESCOSOLIDO (2005)
Marina CAFFIERO (2005)
Maria Grazia IODICE (2005)
María José HIDALGO DE LA VEGA (2006)
Marcello ROTILI (2006)
Anna ESPOSITO (2006)
Mario BEVILACQUA (2007)
John THORNTON (2007)
Gilda BARTOLONI (2008)
Mariano APA (2008)
Martine BOITEUX (2009)
Donatella STRANGIO (2009)
Alberto BARTOLA (2009)
José REMESAL RODRÍGUEZ (2011)
Vincenzo FIOCCHI NICOLAI (2012)
Simonetta BUTTÒ (2012)
Cosimo PALAGIANO (2012)
Claudio PARISI PRESICCE (2013)
Gaetano SABATINI (2013)
Franco PIPERNO (2014)
Pietro TRIFONE (2014)

*** 

BIBLIOTECA

Archivio – L’Archivio dell’Istituto, dichiarato di notevole interesse storico il 22.10.1990 e, pertanto, sottoposto, con la Fototeca, alla tutela della Legge 30.9.1963 n. 1409, è stato riordinato a cura della dottoressa Carla Tupputi Lodolini. Si sta provvedendo all’informatizzazione dei singoli fondi attraverso la partecipazione al progetto «Archivi del Novecento». Biblioteca – La Biblioteca, inserita nel polo S.B.N. delle Biblioteche pubbliche statali di Roma, continua ad arricchirsi per mezzo di omaggi e di numerosi cambi in atto. Prosegue il riordino e l’informatizzazione delle raccolte.

Fototeca – Per la Fototeca continua il lavoro di riordino e aggiornamento del quadruplice schedario (per autore, per epoca, per soggetto, per luogo) con il numeroso materiale acquisito negli anni più recenti, che arricchirà le raccolte di positive (33.390), negative (8.015) e diapositive (14.658).

Bibliografia – L’Istituto possiede uno Schedario Centrale di Bibliografia Romana, ordinato per autore, con l’indicazione delle biblioteche che possiedono le singole opere schedate. Le schede raccolte ammontano ad oltre 654.000.

La Biblioteca è aperta il lunedì, mercoledì e venerdì con personale specializzato; gli altri giorni per deposito. La Fototeca e l’Archivio sono aperti tutti i giorni. Secondo quanto previsto dall’art. 1 dello statuto, presso l’Istituto operano attualmente con gestione autonoma, due centri: il Centro di Studi Ciceroniani e il Centro Studi G.G. Belli. Iscritti – L’Istituto ha una categoria di Iscritti con iscrizione annuale, i quali fruiscono di un complesso assai notevole di agevolazioni: la rivista Studi Romani e altre pubblicazioni in omaggio, forti sconti sul prezzo delle edizioni dell’Istituto e numerosissime altre facilitazioni.

 

SEGRETERIA

L’Istituto è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 14.

ISTITUTO NAZIONALE DI ARCHEOLOGIA E STORIA DELL’ARTE – bozza annuario 57

ISTITUTO NAZIONALE DI ARCHEOLOGIA
E STORIA DELL’ARTE

Piazza San Marco, 49 – 00186 Roma
Tel. +39 06.6780817 – Fax +39 06.6798804
Posta elettronica: inasa@inasa-roma.it
Sito Internet: www.inasa-roma.it

L’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte è stato ufficialmente istituito con decreto luogotenenziale del 27 ottobre 1918. L’atto istitutivo venne poi confermato dalla legge del 15 gennaio 1922 – effettivo atto di nascita – integrata dal regio decreto del 10 novembre 1924 e da quello del 24 maggio 1926, con il quale l’Istituto – a questo punto «Regio» – assunse il suo definitivo assetto giuridico, espresso nell’articolato statuto che all’art. 1 recita: «lI Regio istituto italiano di archeologia e storia dell’arte (…) ha per fine di promuovere e coordinare gli studi di archeologia e storia dell’arte medievale e moderna e di incoraggiare, secondare ed addestrare coloro che intendano dedicarsi alla ricerca e alla tutela dei monumenti e degli oggetti d’arte e di antichità. (…) Esso ha sede in Roma nel palazzo di Venezia». La nascita di questa istituzione fu fortemente voluta da Corrado Ricci, sostenuto da Benedetto Croce, ministro della Pubblica Istruzione. Ricci, che nei fatti è stato il fondatore di questa istituzione nonché il suo primo presidente (1922-34), fece sì che la biblioteca della Direzione generale delle antichità e belle arti fosse trasferita all’Istituto, ponendo così le premesse per la nascita della prima biblioteca pubblica italiana specializzata in questo ambito. In effetti per Ricci, il nuovo istituto doveva essere lo strumento per consentire agli studiosi italiani di potere approfondire la loro formazione in Italia e non essere costretti ad andare all’estero o appoggiarsi per loro ricerche a istituzioni straniere. A integrare questo progetto, le norme del 1926 ne regolarono i rapporti con l’Università e finanziarono le borse di studio destinate ad archeologi e storici dell’arte. Iniziativa questa di fondamentale importanza. Da allora le borse hanno consentito di formare generazioni di studiosi di grandissima levatura, impegnati sia nell’attività accademica, sia nella tutela. A partire dal 1952, la direzione dell’Istituto fu affidata a un Commissario governativo, gestione commissariale che è durata fino al 1997 e durante la quale la scarsità di risorse finanziarie portò alla soppressione delle borse di studio. L’attuale assetto giuridico, che ha rimesso in essere il Consiglio direttivo e il Presidente, nasce dalle disposizioni del D.P.R. 22 luglio 1996, che ribadiscono l’antica vocazione e le originarie finalità dell’Istituto; tuttavia il suo articolato non ha previsto l’erogazione di adeguate risorse finanziarie per sostenerne gli obiettivi istituzionali. Nel 2003, a seguito delle disposizioni della legge che regolano l’ordinamento degli istituti culturali, l’Istituto ha assunto figura giuridica di diritto privato, mantenendo tuttavia uno strettissimo legame con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, al quale spetta la nomina dei Consiglieri, di concerto con il Ministero dell’Istruzione e dell’Università per quanto riguarda i componenti di provenienza universitaria.

Presidenti e Commissari governativi dell’Istituto dall’anno di fondazione:

Corrado Ricci (1922-1934)

Roberto Paribeni (1934-1944)

Pietro Toesca (1945-1952)

Achille Bertini Calosso, Commissario governativo (1952-1955)

Luciano Laurenzi, Commissario governativo (1955-1962)

Giuseppe Lugli, Commissario governativo (1962-1967)

Emilio Prisinzano, Commissario governativo (1967-1972)

Antonino Pagliaro, Commissario governativo(1972-1973)

Michelangelo Cagiano de Azevedo, Commissario governativo (1974-1981)

Fausto Zevi, Commissario governativo (1981-1997)

Alessandro Bettagno (1998-2004)

DIREZIONE 

Presidente:
Prof. Adriano La Regina

Consiglio direttivo:
Prof. Nicola Bonacasa

Prof. Andrea Emiliani

Prof. Francesco Gandolfo

Prof. Pier Giovanni Guzzo

Prof. Adriano La Regina

Prof. Eugenio La Rocca

Prof. Giovanna Nepi Scirè

Prof. Bruno Toscano

Prof. Fausto Zevi

Revisori dei conti:
Dott. Daniela Porro, in rappresentanza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Presidente.

Sig. Giampiero Gagliardini

Sig. Laura Veneroso

Segretario scientifico:
Prof. Enrico Parlato

Assistenti:
Dott. Elena Cagiano de Azevedo

Dott. Roberta Geremia Nucci

Dott. Massimo Pomponi

Dott. Luigi Scaroina

Dott. Claudia Valeri

Redazione della Rivista:
Prof. Francesco Gandolfo

Prof. Fausto Zevi

Prof. Enrico Parlato (segretario di redazione)

Servizio di prevenzione e protezione rischi:
Dott. Ing. Nicola Calistroni

Amministrazione:
Sig. Simonetta Belletti

Dott. Laura Pardini 

ATTIVITA’ 2012-2014

RICERCA SCIENTIFICA E STUDI:

Roma – Convenzione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma per lo studio, il progetto di restauro e l’edizione del mausoleo di M. Nonio Macrino e dei monumenti funerari nell’area della necropoli tra il V e il VI miglio della via Flaminia.

Accordo di collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma per lo studio e la pubblicazione dei materiali archeologici.

Catalogazione del materiale afferente al Corpus degli oggetti bizantini in Italia e al Corpus della pittura monumentale bizantina in Italia

Catalogazione e digitalizzazione delle fotografie storiche conservate presso la fototeca dell’Istituto

Digitalizzazione e riversamento on-line delle pubblicazioni edite dall’Istituto non più disponibili in commercio

Restauro di un fondo di papiri inediti in lingua copta di proprietà dell’Istituto

Pietrabbondante (Isernia) – Scavo archeologico del santuario sannitico e progetto espositivo per il Museo archeologico in collaborazione con il Comune di Pietrabbondante, con finanziamenti della Regione Molise e d’intesa con il Ministero per i beni e le attività culturali.

Regione Molise – Studio e valorizzazione del patrimonio archeologico, storico e artistico del Molise.

Regione Umbria – Catalogazione e digitalizzazione di immagini storiche conservate presso la Fototeca dell’Istituto per il Sistema informativo georeferenziato per i Beni culturali della Regione Umbria

Regione Umbria – Programma di censimento del patrimonio di arte e architettura moderna e contemporanea dell’Umbria

 

PUBBLICAZIONI:

RIASA – Rivista dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte, volumi 59 (2010), 60 (2010), 61 (2011), 62-63 (2013)

Corpus della pittura monumentale bizantina. vol. I: Umbria, a cura di Mara Bonfioli, con testi di Mara Bonfioli, Simona Moretti, Mauro della Valle, Cristina Pantanella e Livia Bevilacqua, Edizioni Quasar, Roma 2012

S. Fox – M. Pomponi, Publio Elvio Pertinace imperatore romano, 126-193 d.C., De Luca Editori d’Arte, Roma 2010.

M. Pomponi (a cura di), Publio Elvio Pertinace imperatore romano, Alba Pompeia 126 – Roma 193 d.C., Atti della Giornata di studi, Fondazione Ferrero, Alba 2010.

A. La Regina, Il Guerriero di Capestrano e le iscrizioni paleosabelliche, in «Pinna Vestinorum», a cura di L. Franchi dell’Orto, L’Erma di Bretschneider, Roma 2011, pp. 230-273.

A. La Regina – L. Scaroina, Pietrabbondante. Rapporto preliminare sulle ricerche archeologiche dell’anno 2010, web: http://archive.org/details/AdrianoLaRegina-LuigiScaroina.Pietrabbondante.RapportoPreliminareSulle

CONVEGNI, SEMINARI, INCONTRI E PRESENTAZIONE DI VOLUMI:

Secondo ciclo di incontri “Orizzonti del Novecento – Dialogo fra le arti”, a cura di R. Cumbo, L. Mocci, G. Papi, sul tema ‘La materia e lo spirito nell’arte del XX secolo. La scultura monumentale: potenza del divino e dell’umano‘, in collaborazione con  la Scuola d’Arte e dei Mestieri Nicola Zabaglia di Roma e col patrocinio dell’Assessorato alle Attività Produttive al Lavoro e al Litorale Dipartimento Attività Economico-Produttive, Formazione-Lavoro di Roma Capitale

Presentazione del Corpus della pittura monumentale bizantina. vol. I: Umbria, a cura di M. Bonfioli, con testi di M. Bonfioli, S. Moretti, M. della Valle, C. Pantanella e L. Bevilacqua, Edizioni Quasar, Roma 2012

Presentazione del volume di A. Sofia, Sfingi e sirene. La presenza egizia nella Sicilia greca di V sec. a.C.: testimonianze nella commedia dorica e nel mimo, edizioni Scienze e lettere dal 1919 s.r.l., 2013

Presentazione del volume di S. Fox – M. Pomponi, Publio Elvio Pertinace imperatore romano, 126-193 d.C., De Luca Editori d’Arte, Roma 2010

Primo ciclo di incontri “Orizzonti del Novecento – Dialogo fra le arti”, a cura di R. Cumbo, L. Mocci, G. Papi, in collaborazione con  la Scuola d’Arte e dei Mestieri Nicola Zabaglia di Roma e col patrocinio dell’Assessorato alle Attività Produttive al Lavoro e al Litorale Dipartimento Attività Economico-Produttive, Formazione-Lavoro di Roma Capitale

Incontro pubblico  introduttivo alla visita della mostra Lux in Arcana – L’Archivio segreto vaticano si rivela, a cura di M. Maiorino, in collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa per il Progetto Europeo ENArC European Network on Archival Cooperation

* * *

L’Istituto prosegue il programma di inventariazione, catalogazione e digitalizzazione del proprio ingente patrimonio documentario, editoriale, grafico e fotografico, con particolare interesse per la conservazione e la valorizzazione del materiale raccolto nella Fototeca e nell’Archivio Storico. La fototeca raccoglie oltre 100.000 immagini datate tra 1860 e 1970 provenienti da acquisti e lasciti, tra i quali ultimi figurano gli archivi fotografici di Corrado Ricci, Ugo Monneret de Villard, Giuseppe Lugli, Achille Bertini Calosso, Enrico Possenti, di Felice Barnabei ed altri. L’Archivio Storico conserva la documentazione relativa all’attività svolta dall’Istituto a partire dalla sua fondazione insieme a fondi di particolare rilevanza, quali i documenti relativi alla sistemazione dei Fori imperiali a Roma (1911-1933), i manoscritti di Corrado Ricci, di Achille Bertini Calosso (1882-1955) e dello scultore Cesare Aureli (1844-1923), oltre a varia documentazione di argomento archeologico e storico-artistico. La Fototeca e l’Archivio sono consultabili in sede previo appuntamento. L’Istituto ha inoltre attivato tirocini formativi per gli studenti della Scuola di Alta Formazione dell’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario di Roma e per gli studenti di archeologia e storia dell’arte dell’Università di Roma La Sapienza e dell’Università di Roma Tre.

ISTITUTO PER LA STORIA DEL RISORGIMENTO ITALIANO E MUSEO CENTRALE DEL RISORGIMENTO – bozza annuario 57

ISTITUTO PER LA STORIA
DEL RISORGIMENTO ITALIANO
E MUSEO CENTRALE DEL RISORGIMENTO

Vittoriano – 00186 ROMA – Tel. 06.6793526 – 06.6793598
Fax 06.6782572
Sito Internet: www.risorgimento.it
Posta elettronica: ist.risorgimento@tiscalinet.it

L’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano è nato nel 1935, per la fusione, avvenuta l’anno precedente, di due Enti risalenti al 1906: la Società Nazionale per la Storia del Risorgimento (privata) e il Comitato Nazionale per la Storia del Risorgimento (statale). Al pari degli altri Istituti storici nazionali, fa parte della Giunta Centrale per gli Studi Storici e si riferisce al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, con autonomia scientifica, amministrativa e contabile. La sede centrale cura direttamente l’Archivio e il Museo. L’Istituto pubblica cinque collane per la sua Biblioteca Scientifica («Fonti», «Memorie», «Atti dei Congressi», «Repertori», «Prospettive») e la Rassegna Storica del Risorgimento (trimestrale). La rivista è inviata gratuitamente ai circa 2.400 soci, distribuiti in oltre 70 Comitati provinciali e in 12 gruppi di studio all’estero. L’Istituto organizza ogni due anni un Congresso con larga partecipazione di studiosi stranieri. Nel 2013 il LXVI Congresso si è tenuto a Roma dal 23 al 25 ottobre sul tema “Prima della tempesta. Continuità e mutamenti nella politica e nella società italiana e internazionale (1901-1914)”.

Presidenti dall’anno di fondazione:

Società Nazionale per la Storia del Risorgimento:

Prof. Bassano GABBA (1906-1911)
Gen. Ettore PEDOTTI (1911-1919)
Prof. Matteo MAZZIOTTI (1920-1923)
Maresciallo Gaetano GIARDINO (1923-1933)
Sen. Cesare M. DE VECCHI DI VAL CISMON (1933-1935)

Istituto per la Storia del risorgimento Italiano:
Sen. Cesare M. DE VECCHI DI VAL CISMON (1935-1944)
Prof. Gaetano DE SANCTIS (Commissario, 1944-1952)
Prof. Alberto M. GHISALBERTI (1953-1983)
Prof. Emilia MORELLI (1983-1995)
Prof. Giuseppe TALAMO (1996-2010)

Consiglio di Presidenza

Presidente:
Prof. Romano UGOLINI

Vicepresidente:
Prof. Gabriella CIAMPI

Segretario Generale:
Prof. Ester CAPUZZO

Consiglieri:
Prof. Mario BELARDINELLI

Prof. Maria Luisa BETRI

Prof. Cosimo CECCUTI

Prof. Renata DE LORENZO

Prof. Fausto FONZI

Prof. Carlo GHISALBERTI

Prof. Umberto LEVRA

Prof. Giuseppe MONSAGRATI

Prof. Bianca MONTALE

Dott. Marco PIZZO

 

Rappresentanti dei Comitati Provinciali:

Prof. Anna Maria ANDRIANI

Prof. Gianfranco E. DE PAOLI

Prof. Rosella FOLINO GALLO

Prof. Alfio SIGNORELLI

Prof. Cristina VERNIZZI

Direttore del Museo:
Prof. Romano UGOLINI

Vicedirettore del Museo:
Dott. Marco PIZZO

Economo:
Dott. Leonardo LUCIDI

***

BIBLIOTECA

L’Archivio contiene oltre un milione e mezzo di documenti ordinati in 1.200 buste e 1.093 volumi manoscritti; 32.000 stampe dei secoli XVIII e XIX e 25.000 fotografie, prevalentemente riguardanti la Grande Guerra. L’Archivio è aperto con il seguente orario: lunedì, ore 9.00-13.15; martedì, ore 9.00-17.15; mercoledì, ore 9.00-17.15; giovedì, ore 9.00-13.15; venerdì, ore 9.00-13.15.

È iniziato il progetto di catalogazione su supporto informatico di buona parte dei fondi dell’archivio. Si citano, a titolo esemplificativo: Archivio Amat; Carte Pentini; Carte Bedini; Carte Arconati; Carte Righetti; Archivio Bruzzesi; Carte Calandrelli; Carte Spreti; Archivio De Lieto; Archivio Checchetelli; Carte Cenni; Carte De Benedetti; Carte Ferrari. Tutto il fondo iconografico – fotografie, incisioni, disegni – è stato digitalizzato al fine di consentirne la consultazione anche via internet. La serie completa delle annate della storica del Rassegna Risorgimento (1914-2000) è stata digitalizzata e indicizzata ed è consultabile su DVD e sul sito dell’Istituto. All’Archivio è annessa una Biblioteca d’archivio con riviste italiane e straniere, alcune migliaia di volumi, 24.500 opuscoli e 30.000 ritagli di giornale. I fondi dell’Archivio sono consultabili sul sito www.risorgimento.it e, per quello che riguarda la Grande Guerra, sul sito www.14-18.it.

Il Museo comprende numerose sale espositive – con armi, quadri, statue, busti, cimeli vari – e una zona «Mostre» (nell’ala Brasini) che ospita periodicamente mostre su temi particolari. Il Museo è aperto tutti i giorni con il seguente orario: dalle ore 9.30 alle ore 18.30.

ISTITUTO ITALIANO DI NUMISMATICA – bozza annuario 57

ISTITUTO ITALIANO DI NUMISMATICA

Palazzo Barberini, Via Quattro Fontane, 13 – 00184 ROMA
Te1. e Fax 06.4743603
Sito Internet: www.istitutoitalianonumismatica.it
Posta elettronica: istituto@istitutoitalianonumismatica.it

Fondato nel 1912 come associazione privata, l’Istituto Italiano di Numismatica fu poi costituito in Istituto nazionale con R.D.L del 3 febbraio 1936, n. 223, convertito in legge con L. 28 maggio 1936, n. 1077; posto alle dipendenze della Giunta Centrale per gli Studi Storici, come questa è vigilato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. È retto da un Consiglio direttivo composto dai presidenti dei quattro Istituti storici nazionali, dal presidente dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte, e da due esperti nominati con decreto del Ministro per i Beni e le Attività Culturali. Con le stesse modalità è nominato Presidente uno dei Consiglieri. Suo principale compito istituzionale è la promozione della ricerca scientifica, relativamente al settore della numismatica. A tal fine collabora con le Soprintendenze, i musei, le Università, i centri di ricerca, italiani ed esteri. D’intesa con il Museo «G. Filangieri» di Napoli e la Commission Internationale de Numismatique, nel 1965 l’Istituto ha creato in Napoli il Centro Internazionale di Studi Numismatici, del cui Consiglio direttivo è membro di diritto. I risultati delle ricerche promosse dall’Istituto danno luogo a convegni e pubblicazioni. Tra queste ha periodicità annuale la rivista Annali (57 annate pubblicate). Nella collana «Studi e Materiali» sono editi lavori monografici, atti di convegni, cataloghi di collezioni, opere miscellanee e la serie sui rinvenimenti monetali da Pompei. Gli Atti dei Convegni del Centro di Napoli costituiscono una seconda collana.

Presidenti dall’anno della costituzione in Istituto Nazionale:

Prof. Amedeo Maiuri (dal 1936)
Prof. Cesare M. De Vecchi di Val Cismon (dal 1939)
Prof. Secondina L. Cesano (reggente dal 1943)
Prof. Gaetano De Sanctis (commissario straordinario dal 1944)
Dott. Francesco Pellati (commissario governativo dal 1952)
Prof. Aldo Ferrabino (commissario governativo dal 1958)
Prof. Laura Breglia (dal 1962 al 1991)
Prof. Attilio Stazio (1991-2010)

CONSIGLIO DIRETTIVO

Presidente f.f.:
Prof. Sara Sorda

Membri:
Prof. Andrea Giardina, quale presidente dell’Istituto Italiano per la Storia Antica.
Prof. Massimo Miglio, quale presidente dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo.
Prof. Marcello Verga, quale presidente dell’Istituto Storico Italiano per l’Età Moderna e Contemporanea.
Prof. Romano Ugolini, quale presidente dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
Prof. Adriano La Regina, quale presidente dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte.
Prof. Nicola Parise, quale esperto.

* * *

La biblioteca comprende oltre 22.000 volumi ed è specializzata nei campi della numismatica, della storia della moneta, della storia economica, della metrologia ponderale, con ampio orizzonte geografico e cronologico. Un apposito settore è dedicato alla medaglia.

Molto ricca e aggiornata è inoltre la raccolta dei cataloghi delle aste di monete battute in Italia e all’estero, la cui utilità per gli studiosi travalica la possibilità di conoscere i movimenti del mercato antiquario.

È disponibile un settore di informazione e documentazione bibliografica specificamente dedicato ai ripostigli monetali rinvenuti in Italia.

La Biblioteca è aperta al pubblico: di norma il lunedì e il martedì dalle ore 9.00 alle 14.00; il giovedì e il venerdì dalle ore 9.00 alle 16.30.

Agli studenti si richiede una lettera di presentazione di un docente universitario.

La fototeca comprende riproduzioni di monete e medaglie ed è in massima parte informatizzata.

È aperta alla consultazione pubblica negli stessi giorni di apertura della biblioteca, previo accordo con la direzione.

La collezione di medaglie italiane dei secoli XIX – primi decenni del XX è ordinata e fotografata; ne è in corso la pubblicazione. Può essere consultata dagli studiosi che ne facciano richiesta scritta.

ISTITUTO STORICO ITALIANO PER L’ETÀ MODERNA E CONTEMPORANEA – bozza annuario 57

ISTITUTO STORICO ITALIANO
PER L’ETÀ MODERNA E CONTEMPORANEA

Via Michelangelo Caetani, 32 – 00186 ROMA
Tel. 06.68806922 – Fax 06.6875127
Posta elettronica: iststor@libero.it

L’Istituto Storico Italiano per l’Età Moderna e Contemporanea con sede a Roma è stato istituito con R.D.L. 20 luglio 1934. È retto da un Consiglio Direttivo composto da un Presidente e da quattro membri; a uno di essi, di massima al presidente, è anche affidata la direzione dell’annessa Scuola di storia moderna e contemporanea. L’Istituto ha come principale compito istituzionale la raccolta e la pubblicazione del materiale documentario concernente la storia d’Italia dal ’500 a oggi. Nelle sue pubblicazioni il posto preminente spetta alle «Fonti per la storia dell’Italia moderna e contemporanea», a loro volta suddivise in «Nunziature», «Documenti diplomatici», «Antichi Stati italiani», «Carteggi e testi», «Sussidi», «Documenti del Risorgimento e dell’Italia unita», e «Rerum Italicarum Scriptores Recentiores». Le altre collane sono «Italia e Europa» – suddivisa in «Collezione per il primo centenario dell’Unità», «Cultura, economia e Stato», «Bicentenario della Rivoluzione francese», «Aspetti di storia religiosa» –, «Studi di Storia moderna e contemporanea», «Testi e problemi», e «I luoghi e la memoria». Inoltre viene pubblicato l’Annuario, legato in maniera preponderante all’attività e alla produzione scientifica della Scuola.

Presidenti dall’anno di fondazione:
Prof. Francesco Ercole (1934-1944)

Prof. Gaetano De Sanctis, Commissario straordinario (1945-1951)

Prof. Raffaele Ciasca (1952-1973)

Prof. Armando Saitta (1973-1991)

CONSIGLIO DIRETTIVO

Presidente:
Prof. Luigi Lotti

Membri:
Prof. Giuseppe Giarrizzo, Consigliere

Prof. Roberto De Mattei, Consigliere

Prof. Romano Ugolini, Consigliere

ATTIVITÀ DELL’ISTITUTO E DELLA SCUOLA DI STORIA MODERNA E CONTEMPORANEA:

Le attività della Scuola storica sono purtroppo sospese, speriamo momentaneamente. Non è stato possibile bandire nuovi concorsi da quando il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca decise di continuare a concedere comandi alla Giunta Centrale e agli Istituti a condizione che la Giunta e i singoli Istituti provvedessero agli stipendi. Cosa ovviamente impossibile. Di conseguenza l’Istituto attualmente non ha nessun comandato, con inevitabili ripercussioni anche nelle attività di ricerca, che tuttavia proseguono grazie all’impegno di studiosi che hanno usufruito in precedenza di comandi e collaboratori esterni.

Inoltre la ripetuta e continuativa riduzione del contributo ministeriale incide gravemente sulle pubblicazioni, che escono con ritmi rallentati.

Pubblicazioni 2010-2012:

Annuario dell’Istituto Storico Italiano per l’età moderna e contemporanea:

Vol. 47-48 (anno 2010).

Fonti per la storia d’Italia:

Vol. 147 – Andrea Gardi, Costruire il territorio. L’amministrazione della Legazione Pontificia di Ferrara nel XVII e XVIII secolo (anno 2012);

Vol. 151 – Carteggi di Bettino Ricasoli, vol. XXI – tomo I (anno 2011);

Vol. 150 – Il Diario di Gaspare Colosimo. Ministro delle colonie (1916-1919), a cura di Vanni Clodomiro (anno 2012);

Vol. 151 – Carteggi di Bettino Ricasoli, vol. XXI – tomo II (anno 2012).

Pubblicazioni monografiche:

Paola Moreno, La fortuna editoriale del Carteggio di Francesco Guicciardini dal Cinquecento ai giorni nostri (anno 2010).

* * *

L’attuale Biblioteca dell’Istituto è di recente formazione, dopo che la Biblioteca di Storia moderna e contemporanea, originariamente annessa all’Istituto, fu resa autonoma. È costituita da collezioni specializzate italiane e straniere, da opere varie indispensabili per la realizzazione delle iniziative scientifiche dell’Istituto; comprende soprattutto il fondamentale fondo librario del professor Armando Saitta (1919-1991), particolarmente rilevante, fra l’altro, per la storia della Spagna e della rivoluzione francese.

La Biblioteca è aperta agli studiosi. I relativi dati sono inseriti nel Sistema Bibliotecario Nazionale.

ISTITUTO STORICO ITALIANO PER IL MEDIO EVO – bozza annuario 57

 

 

 

I

 

 

 

 

ISTITUTO STORICO ITALIANO
PER IL MEDIO EVO

Piazza dell’Orologio, 4 – 00186 ROMA
Tel. 06.68802075 – 06.6877059 – Fax 06.68195963
Sito Internet: www.isime.it
Posta elettronica: segreteria@isime.it

L’Istituto Storico Italiano, creato con R.D. del 25 novembre 1883 n. 1775 per dare «unità e sistema alla pubblicazione de’ Fonti di storia nazionale» e per «promuoverne i lavori preparatori», assunse il titolo di Istituto Storico Italiano per il Medio Evo con R.D.L. del 20 luglio 1934 n. 1226. All’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo vennero mantenuti tutti i compiti scientifici già assegnatigli, cui nel 1926 si era aggiunta la direzione scientifica della ristampa nazionale dei Rerum Italicarum Scriptores del Muratori, edita a spese della casa Zanichelli di Bologna dalla quale, nel 1995, l’Istituto ha ottenuto la cessione del marchio. A cura dell’Istituto sono pubblicate le collane: «Fonti per la storia d’Italia» (voll. 118), «Fonti per la storia dell’Italia medievale» [suddivise nelle eguenti sezioni: «Antiquitates» (voll. 25…), «Rerum ltalicarum Scriptores, 3ª ed.» (voll. 6…), «Regesta chartarum» (voll. 54…), «Subsidia» (voll. 8…), «Storici italiani dal Cinquecento al Millecinquecento ad uso delle scuole» (voll. 2…)], «Studi Storici» (fasc. 200), «Nuovi Studi Storici» (voll. 78…), nonché la rivista Bullettino dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (voll. 108…). A cura sempre dell’Istituto, ma anche dell’Unione, è stato pubblicato il Repertorium Fontium Historiae Medii Aevi. Nel 2005 è stata avviata la nuova collana «Bonifaciana» (voll. 2…) e, nel 2006, «Fonti per la Storia della Chiesa in Friuli. Serie medievale» (vol. 1…). Con R.D. del 31 dicembre 1923 n. 3011, fu istituita presso l’Istituto la Scuola Nazionale per la ricerca e lo studio delle fonti per la storia d’Italia e la loro pubblicazione. A essa vengono comandati, in seguito a concorso nazionale, per un triennio rinnovabile, professori di ruolo nella Scuola secondaria di Stato, bibliotecari e archivisti di ruolo nelle Amministrazioni statali, per un totale di sei persone. Presso l’Istituto, per le necessità della ricerca, si è venuta formando negli anni una biblioteca specializzata, che conta ormai più di 100.000 volumi e più di 300 testate di riviste italiane e straniere, aperta al pubblico. L’Istituto ha sede nel Palazzo Borromini ed è vigilato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Presidenti dall’anno di fondazione:
Prof. Cesare Correnti (1885-1888)

Prof. Marco Tabarrini (1888-1898)

Prof. Pasquale Villari (1898-1911)

Prof. Paolo Boselli (1911-1932)

Prof. Pietro Fedele (1933-1943)

Prof. Carlo Calisse (1943-1945)

Prof. Gaetano De Sanctis (Commissario Straordinario, 1945-1951)

Prof. Raffaello Morghen (1951-1982)

Prof. Girolamo Arnaldi (1982-2001)

CONSIGLIO DIRETTIVO 

Presidente:
Prof. Massimo Miglio, Ordinario di Storia Medievale dell’Università della Tuscia. 

Membri:
Prof. Giorgio Inglese, Straordinario di Letteratura italiana presso Sapienza Università di Roma.

Prof. Franco Cardini, Ordinario di Storia Medievale presso l’Università degli Studi di Firenze.

Prof. Salvatore Fodale, ordinario di Storia Medievale presso l’Università degli Studi di Palermo.

Prof. Antonio Rigon, ordinario di Storia Medievale presso l’Università degli Studi di Padova.

Consiglio scientifico:
Michele Ansani, Università degli Studi di Pavia.

Gian Mario Anselmi, Università degli Studi di Bologna.

Roberto Antonelli, Università di Roma La Sapienza.

Glauco Maria Cantarella, Università degli Studi di Bologna.

Guido Castelnuovo, Université de Savoie.

Giovanni Cherubini, Università degli Studi di Firenze.

Paolo Chiesa, Università degli Studi Milano.

Maria Consiglia De Matteis, Università degli Studi di Bologna.

Giacomo Ferraù, Università degli studi di Messina.

Carla Frova, Sapienza Università di Roma.

Germana Gandino, Università del Piemonte Orientale.

Giancarlo Garfagnini, Università degli Studi di Firenze.

Stefano Gasparri, Università degli Studi di Venezia.

Antonella Ghignoli, Università degli Studi di Firenze.

Franca Leverotti, Università degli Studi di Milano.

Gherardo Ortalli, Università degli Studi di Venezia.

Gian Maria Varanini, Università degli Studi di Verona.

Anna Maria Oliva, Consiglio Nazionale delle Ricerche (segretario).

Consiglio scientifico della Collana Fonti per la Storia dell’Italia medievale

Marcello Barbato, Università degli Studi di Napoli l’Orientale.

Attilio Bartoli Langeli, coordinatore della Scuola storica per le edizioni di fonti.

Paolo Cammarosano, Università degli Studi di Trieste.

Francisco Gimeno Blay, Università di Valencia (Spagna).

Antonella Ghignoli, Università degli Studi di Roma La Sapienza.

Jean-M.Martin, CNRS Paris (Francia).

Antonio Placanica, Camera dei Deputati.

Francesco Senatore, Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Francesco Stella, Università degli Studi di Siena.

Consiglio scientifico della Collana Nuovi studi storici

Enrico Artifoni, Università degli Studi di Torino.

Giulia Barone, Università degli Studi di Roma La Sapienza.

Jacques Dalarun, Institut de Recherches et d’histoire des textes, Paris (Francia).

Cristina La Rocca, Università degli Studi di Padova.

Giuseppe Mandalà, CSIC Madrid (Spagna).

Michael Matheus, Università di Mainz (Germania).

Raul Mordenti, Università degli Studi di Roma 2 Tor Vergata.

Vicente Angel Alvarez Palenzuela, Università Autonoma di Madrid (Spagna).

Angelo Piemontese, Università degli Studi Roma La Sapienza.

Pierre Toubert, Accademia di Francia.

Vera von Falkenhausen, già Università degli Studi di Roma 2 Tor Vergata.

Consiglio scientifico del Bullettino dell’ISIME:

Anna Benvenuti, Università degli Studi di Firenze.

François Bougard, Università di Paris X Nanterre (Francia).

Tommaso di Carpegna Falconieri, Università degli Studi di Urbino.

Rosario Coluccia, Università del Salento.

Emanuele Conte, Università degli Studi di Roma 3.

David Falvay, Università di Budapest (Ungheria).

Luis Adao da Fonseca, Centro de estudos da popolacao economica e sociedade de Porto (Portogallo).

Julian Gardner, Warwick University, Coventry (Inghilterra).

Francisco Gimeno Blay, Università di Valencia (Spagna).

Antonio Giuliano (Accademia dei Lincei).

James Hankins, Università di Harvard Cambridge MA (USA).

Jakub Kujawinski, Instytut Historii Uniwersytet im Adama Mickiewicza, Polonia.

Umberto Longo, Università degli Studi di Roma La Sapienza.

Isa Lori Sanfilippo, Istituto storico italiano per il medio evo.

José Maria Maestre Maestre, Università di Cadige (Spagna).

Werner Maleczek, Università di Wien (Austria).

Michael Matheus, Università di Mainz (Germania).

Gherardo Ortalli, Università degli Studi di Venezia.

Gabriella Piccinni, Università degli Studi di Siena.

Berardo Pio, Università degli Studi di Bologna.

Charles Radding, Michigan University (USA).

Giuseppe Sergi, Università degli Studi di Torino.

Salvatore Settis, Scuola Normale Superiore di Pisa.

Chris Wickham, Oxford University (Inghilterra).

Marino Zabbia, Università degli Studi di Torino

Comitato Scientifico del Centro Studi Orsiniani:

Rosario Coluccia

Isa Lori Sanfilippo

Carmela Massaro

Anna Maria Oliva

Francesco Somaini

Giancarlo Vallone

Benedetto Vetere

Comitato Scientifico di Italia Sacra:

Salvatore Fodale

Giovanni Miccoli

Massimo Miglio

Alberto Monticone

Agostino Paravicini Bagliani

Giorgio Picasso

Antonio Rigon

Mario Rosa

Francesco Traniello

UFFICI E BIBLIOTECA 

Assistente di Presidenza e Segreteria di Istituto (segreteria@isime.it):
Federica Colandrea 

Coordinatore scientifico attività editoriale:
Isa Lori Sanfilippo

Coordinatore scientifico delle ricerche in corso:
Anna Maria Oliva

Amministrazione (amministrazione@isime.it):
Andrea Cecchi

Archivio (archivio@isime.it):
Marzia Azzolini

Biblioteca (biblioteca@isime.it):
Anna Maria Velli

Federica Pacelli

Francesca Cirilli

Casa editrice (redazione@isime.it):

Antonella De Jure

Silvia Giuliano

Capo redazione

Salvatore Sansone

Ufficio vendite (ufficiovendite@isime.it):
Patrizia Facchini

Gestione Hardware / Software:
Salvatore Sansone

MEMBRI DELLA SCUOLA NAZIONALE DI STUDI MEDIOEVALI

(scuola.storica@isime.it)

Prof. Amedeo Feniello (dal 1 settembre 2013), che sta preparando un lavoro sul Banco Spinelli a Roma dal Fondo manoscritti della Beinecke Library della Yale University;

Prof. Pietro Petteruti Pellegrino (dal 1° settembre 2014), che si occupa di Mario Equicola e sta preparando l’edizione critica e il commento delle sue opere storiche.

Prof. Giampaolo Francesconi (dal 1° settembre 2009): cronistica senese ed edizione etnica di Agnolo di Tura del Grasso.

ISTITUTO ITALIANO PER LA STORIA ANTICA – bozza annuario 57

ISTITUTO ITALIANO PER LA STORIA ANTICA

Via Milano, 76 – 00184 ROMA – Tel. e Fax 06.4880597
Sito internet: www.storiaantica.eu
Posta elettronica: segreteria@storiaantica.eu

L’Istituto Italiano per la Storia antica è stato istituito con R.D. 25 novembre 1935 n. 107, allo scopo di promuovere e coordinare la ricerca scientifica nel campo della storia antica e delle scienze affini. Con D.M. 10 novembre 1936, modificato con D.M. 29 aprile 1938, vi è stata annessa una Scuola di storia antica. L’Istituto possiede una biblioteca specializzata a uso degli allievi della Scuola e di studiosi qualificati. L’Istituto attua i suoi fini istituzionali curando il funzionamento della Scuola e la ricerca scientifica, che si evidenzia soprattutto attraverso le sue pubblicazioni.

Presidenti dall’anno di fondazione:
Pietro De Francisci (dal 1935)

Giuseppe Cardinali (dal 1937)

Gaetano De Sanctis (commissario governativo per tutti gli istituti storici, responsabile dell’Istituto dal 1944 al 1952)

Giuseppe Cardinali (1952-1954)

Aldo Ferrabino (1955-1967)

Silvio Accame (1968-1997)

Fabrizio Fabbrini (1998 – fino al 15 febbraio 2001)

Rodolfo Panarella, commissario straordinario (2001-2004)

Presidente:
Prof. Andrea Giardina

Membri:
Prof. Mario Liverani

Prof. Elio Lo Cascio

Prof. Mauro Moggi

Prof. Giuseppe Zecchini 

* * *

BIBLIOTECA

Attualmente la biblioteca ha una dotazione libraria di circa 18.400 volumi, con 82 periodici correnti. La collezione di estratti proveniente dalle donazioni di Gaetano De Sanctis e di altri illustri studiosi ammonta a circa 3.000 esemplari. Gli ambiti sono quelli delle scienze dell’antichità: storia greca, storia romana, storia dell’oriente antico, archeologia, epigrafia, numismatica, etruscologia, fonti, storiografia e miscellanee di congressi sull’antico.

Nel 2006 il Consiglio direttivo dell’Istituto ha deciso di avviare il processo di informatizzazione del patrimonio librario della biblioteca, che è ormai completato per quanto riguarda i libri e in fase di lavorazione per quanto riguarda gli estratti. La biblioteca è entrata nella rete delle biblioteche italiane SBN e aderisce al Polo IEI degli Istituti culturali di Roma (http://www.istituticulturalidiroma.it/).

La valorizzazione della Biblioteca ha comportato inoltre un massiccio intervento di rilegatura e restauro di volumi ed estratti appartenenti ai fondi più pregiati, per il quale è stato concesso e utilizzato uno specifico cofinanziamento da parte della Regione Lazio.

La biblioteca è aperta al pubblico il lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle ore 09.00 alle ore 16.00, il martedì dalle ore 09.00 alle ore 15.00.

L’orario di apertura dell’archivio è il lunedì e il giovedì dalle ore 10.00 alle ore 16.00.

SEGRETERIA

La segreteria osserva il seguente orario: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle ore 09.00 alle ore 16.00, il martedì dalle ore 09.00 alle ore 15.00.

GIUNTA CENTRALE PER GLI STUDI STORICI – bozza annuario 57

GIUNTA CENTRALE PER GLI STUDI STORICI

Via Michelangelo Caetani, 32 – 00186 ROMA
Tel. e Fax 06.68805209
Sito Internet: www.gcss.it
Posta elettronica: segreteria@gcss.it

Ufficio di Presidenza
via Milano, 76 – 00184 Roma
Tel. e Fax 06.4880597

La Giunta Centrale per gli Studi Storici è un organismo nazionale che promuove e sostiene la ricerca storica. Essa rappresenta l’Italia nel Comité International des Sciences Historiques e collabora con lo stesso Comité alla preparazione dei Congressi internazionali che si tengono ogni cinque anni, promuovendo e organizzando la partecipazione italiana. La Giunta ha come suoi organi diretti gli Istituti Storici Nazionali, i cui presidenti siedono di diritto fra i suoi membri. D’intesa con la Giunta Centrale si svolge altresì parte dell’attività scientifica e culturale delle Deputazioni e Società di Storia Patria. La Giunta Centrale realizza direttamente iniziative di studio e di ricerca storica, anche in collaborazione con istituzioni di altri paesi e con gli Istituti stranieri residenti in Italia, cura l’edizione della Bibliografia Storica Nazionale, pubblicata fino al 2001 dall’editore Laterza e consultabile presso il sito web della Giunta a partire dal 2003. Svolge attività di consulenza per i programmi di insegnamento della storia. Il Presidente e i membri della Giunta sono nominati dal Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per i Beni e le Attività Culturali.

Presidenti dall’anno di fondazione:
Cesare M. De Vecchi di Val Cismon (1934-1944)

Prof. Gaetano De Sanctis, Commissario Straordinario (1944-1951)

Prof. Aldo Ferrabino (1951-1972)

Prof. Giuseppe Ermini (1973-1981)

Prof. Giovanni Spadolini (1983-1994)

Prof. Renzo De Felice (1994-1996)

Prof. Rosario Villari (1996-2000)

Prof. Paolo Prodi (2001-2012)

Presidenza 

Presidente:
Prof. Andrea Giardina (dal 9 ottobre 2012)

Membri:
Prof. Giorgio Chittolini

Prof. Raffaella Gherardi

Prof. Massimo Miglio

Prof. Roberto Pertici

Prof. Edoardo Tortarolo

Prof. Romano Ugolini

Prof. Marcello Verga (Commissario straordinario dell’Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea)

Prof. Brunello Vigezzi

Prof. Maria Antonietta Visceglia

ISTITUTI STORICI NAZIONALI 

Istituto Italiano per la Storia Antica – Roma
Presidente: Prof. Andrea Giardina

Istituto Storico Italiano per il Medioevo – Roma
Presidente: Prof. Massimo Miglio

Istituto Storico Italiano per l’Età Moderna e Contemporanea – Roma
Commissario: Prof. Marcello Verga

Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Roma
Presidente: Prof. Romano Ugolini

Istituto Italiano di Numismatica – Roma
Presidente f.f.: Prof. Sara Sorda

DEPUTAZIONI E SOCIETÀ DI STORIA PATRIA

Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi

presso Archivio di Stato, Via Galileo Galilei, Nucleo Industriale di Bazzano – 67100 L’Aquila.

Tel. 0862.700320 – Fax 0862.700242

Posta elettronica: deputazioneabruzzese@fastwebnet.it

Presidente: Prof. Walter Capezzali

Deputazione di Storia Patria per le Marche

Piazza Benvenuto Stracca, 1 – 60121 Ancona. Tel. e Fax 071.205501

Posta elettronica: info@deputazionemarche.it

Presidente: Prof. Gilberto Piccinini

Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna

Via Zamboni, 38 – 40134 Bologna. Tel. 051.436377

Posta elettronica: angela.donati@unibo.it

Presidente: Prof.ssa Angela Donati

Deputazione di Storia Patria per la Sardegna

Via Cadello, 9b – 09121 Cagliari. Tel. 070.502521

Posta elettronica: deputazione@deputazionestoriapatriasardegna.it

Presidente: Prof. Luisa D’Arienzo

Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria

Via Boccaleone, 19 – 44121 Ferrara. Tel. 0532.765242

Posta elettronica: daniela_piva@virgilio.it

Presidente: Prof. Franco Cazzola

Deputazione di Storia Patria per la Toscana

Via Ginori, 7  – 50123 Firenze. Tel. e Fax 055.213251

Posta elettronica: depu.stor@gmail.com

Presidente: Prof. Giuliano Pinto

Deputazione di Storia Patria per le Antiche Province Modenesi

Via Pomposa, 1 – 41121 Modena. Tel. 059.241104

Posta elettronica: segreteria@aedesmuratoriana.it

Presidente: Prof. Angelo Spaggiari

Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi

Borgo Schizzati, 3 – 43100 Parma. Tel. 0521.503271 – Fax 0521.238661

Posta elettronica: storiapatriapr@gmail.com

Presidente: Dott. Leonardo Farinelli

Deputazione di Storia Patria per l’Umbria

Palazzo della Penna – Via Podiani, 11 – 06100 Perugia. Tel. e Fax 075.5727057

Posta elettronica: dspu@dspu.it

Presidente: Dott. Paola Monacchia

Deputazione di Storia Patria per la Lucania

Corso Umberto I, 28 – 85100 Potenza. Tel. 0971.668555

Posta elettronica: deputazionestoriapatria@basilicatanet.it

Presidente: Prof. Antonio Lerra

Deputazione di Storia Patria per la Calabria

presso Museo Nazionale, Piazza De Nava, 26 – 89100 Reggio Calabria. Tel. 0965.29182

Posta elettronica: deputazione@storiapatriacalabria.it

Presidente: Prof. Giuseppe Caridi

Deputazione Subalpina di Storia Patria

Palazzo Carignano – Via Principe Amedeo, 5 – 10123 Torino. Tel. e Fax 011.537226

Posta elettronica: to0304@biblioteche.reteunitarie.piemonte.it

Presidente: Prof. Gian Savino Pene Vidari

Deputazione di Storia Patria per la Venezia Giulia

presso Archivio di Stato, Via La Marmora, 17 – 34139 Trieste. Tel. 040.0647921

Posta elettronica: depstoriapatriavg@libero.it

Presidente: Dott.ssa Grazia Tatò

Deputazione di Storia Patria per il Friuli

Palazzo Mantica, Via Manin, 18 – 33100 Udine. Tel. 0432.289848

Posta elettronica: deputazione.friuli@libero.it

Presidente: Prof. Giuseppe Bergamini

Deputazione di Storia Patria per le Venezie

S. Croce – Calle del Tintor, 1583 – 30135 Venezia. Tel. e Fax 041.5241009

Posta elettronica: deputazionestoriave@libero.it

Presidente: Prof. Pietro Del Negro

Società di Storia Patria per la Puglia

Palazzo dell’Ateneo, Piazza Umberto – 70121 Bari. Tel. e Fax 080.5237538

Posta elettronica: storiapatriapuglia@libero.it

Presidente: Prof. Pasquale Corsi

Società di Storia Patria di Terra di Lavoro

Parco della Reggia, Via Passionisti, 3 – 81100 Caserta. Tel. e Fax 0823.464674

Posta elettronica: segreteria@storiapatriacaserta.it

Presidente: Comm. Avv. Alberto Zaza d’Aulisio

Società Storica della Valdelsa

Via Tilli, 41 – 50051 Castelfiorentino. Tel. 0571.686308

Posta elettronica: info@storicavaldelsa.it

Presidente: Prof. Fabio Dei

Società Toscana per la Storia del Risorgimento Italiano

Via S. Egidio, 21 – 50122 Firenze. Tel. 055.2480561

Posta elettronica: segreteria@toscanarisorgimento.it

Presidente: Prof. Sandro Rogari

Società Ligure di Storia Patria

Palazzo Ducale, Piazza Matteotti, 5 – 16145 Genova. Tel. e Fax 010.591358

Posta elettronica: storiapatria.genova@libero.it

Presidente: Prof. Dino Puncuh

Società Storica Lombarda

Via Brera, 28 – 20121 Milano. Tel. 02.860118 – Fax 02.72002108

Sito Internet: www.societastoricalombarda.it

Posta elettronica: storica@tiscalinet.it

Presidente: Dott. Luigi Orombelli

Società Napoletana di Storia Patria

piazza Municipio – Maschio Angioino – 80133 Napoli. Tel. 081.5510353

Posta elettronica: info@storipatrianapoli.it

Presidente: Prof.ssa Renata De Lorenzo

Società Siciliana per la Storia Patria

Piazza S. Domenico, 1 – 90133 Palermo. Tel. 091.582774 – Fax 091.6113455

Posta elettronica: segretariogenerale@storiapatria.it

Presidente: Prof. Giovanni Puglisi

Società Storica Pisana

Via Paoli, 15 – 56100 Pisa. Tel. 050.2215469

Posta elettronica: jenny.delchiocca@cfs.unipi.it

Presidente: Prof.ssa Gabriella Garzella

Società Reggiana di Studi Storici

Piazza Vallisneri, 1 – 42100 Reggio Emilia. Tel. 0522.541934

Posta elettronica: socrest@libero.it

Presidente: Prof. Davide Dazzi

Società Romana di Storia Patria

Piazza della Chiesa Nuova, 18 – 00186 Roma. Tel. e Fax 06.68307513

Posta elettronica: segreteria@srsp.it

Presidente: Prof. Letizia Ermini Pani

Società Dalmata di Storia Patria

Via F.lli Reiss Romoli, 19 – 00143 Roma

Posta elettronica: sddsp@sddsp.it

Presidente: Dott. Marino Zorzi

Società Salernitana di Storia Patria

presso Biblioteca Provinciale di Salerno, via V. Laspro, 1 – 84126 Salerno. Tel. 089.250611

Posta elettronica: segreteria@storiapatriasalerno.it

Presidente: Prof. Giuseppe Cacciatore

Società Savonese di Storia Patria

Via Pia, 14/4 – Casa Boselli – 17100 Savona. Tel. 019.811960

Posta elettronica: segreteria@storiapatriasavona.it

Presidente: Prof. Carmelo Prestipino

Società Istriana di Archeologia e Storia Patria

presso Archivio di Stato, via La Marmora, 17 – 34139 Trieste. Tel. 040.390020

Posta elettronica: siasp@libero.it

Presidente: Prof. Giuseppe Cuscito

 

Older Entries
Newer Entries